Vacanze finite…. si riparte

Felice anno nuovo Runners

Settembre il capodanno del runner

L’estate sta per passare, anche se i mesi più belli per le vacanze ce li siamo lasciati alle spalle insieme al caldo torrido e afoso.
Ad un runner però non importa del caldo, del freddo o delle condizioni avverse, il runner non è meteoropatico, anzi trova in queste condizioni nuovi stimoli di sfida.

Capita però che i ritmi dell’estate siano diversi da quelli che teniamo da settembre a maggio, perché durante l’anno tutto è programmato, il lavoro, la famiglia e gli allenamenti.
In estate i ritmi vengono stravolti,  si fa tardi, si dorme meno, quindi la mattina risulta più difficile  alzarsi presto per seguire gli allenamenti, si va al mare, le cene abbondanti tra amici e parenti, e perché no, qualche chilo in più, scombussola tutti i piani.

Fatta questa premessa siamo a settembre, io lo definisco l’inizio di un nuovo anno per tutti i runners,  perché si riprendono gli allenamenti, il calendario podistico si riempie di gare importanti, e si programmano gli obbiettivi della stagione che sta per iniziare.

Chi vuole iniziare?

Settembre, come io consiglio spesso alle persone che non praticano sport, è il mese giusto per chi vuole iniziare a correre, perché l’aria è più fresca soprattutto al  tramonto, e perché no magari in spiaggia dove non c’è più la ressa delle persone o nei parchi o in altri bei posti. 

Iniziate gradualmente, non esagerate, sapete quante persone vedo quando mi alleno che partono con tanta buona volontà di correre e dopo qualche settimana rinunciano.

L’inizio, vi dico sin da subito, non è bello, però vi dò tre suggerimenti che vi possono aiutare:

  1. comprate scarpette adeguate: non correte con scarpette che usate per tutti i giorni o scarpette con la suola sottile, potrebbero far infiammare i tendini delle caviglie ed obbligarvi allo stop. Per iniziare vi consiglio delle scarpette di categoria A3 o A4,  di qualsiasi marca, e come prezzo non spendete più di 60 €, ovviamente deve essere comoda per il vostro piede.
  2. iniziate a correre gradualmente: non fate l’errore di andare  a tutta velocità perché potreste mettere sotto sforzo il vostro cuore, magari superando la frequenza cardiaca massima, o  produrre acido lattico sulle vostre gambe che inevitabilmente vi costringerà a fermarvi dopo circa 10 minuti.
  3. alternare corsa e camminata: se siete in zone con sali e scendi, correte in salita e camminate recuperando in discesa, evitate di fare il contrario, so che è più facile ma andreste solo a caricare le vostre ginocchia inutilmente.

Se seguite questi piccoli consigli,  potrebbero farvi entrare in un nuovo mondo.
(leggi anche l’articolo “La motivazione è tutto” )

spiaggia

Le vacanze hanno fatto bene o male?

Partiamo dal presupposto che le vacanze fanno sempre bene perché in qualche modo aiutano la persona a recuperare e a staccare la spina dalla routine quotidiana, devi solo stare attento a come ripartire.

Hai preso qualche kilo e sei stanco?

Fai un check-up di te stesso, parti dal peso per vedere se hai preso qualche chilo, poi fai una valutazione del tuo stato psico-fisico, ovvero se ti senti stanco, spossato, e la tua testa ti dice che vuoi stare senza far nulla o se non vedi l’ora di iniziare a correre.
(leggi anche l’articolo “La motivazione è tutto” )
Fatto ciò, ti ricordo che se il tuo corpo  è stato fermo per periodi lunghi  (più di 10 giorni) ha perso tutto il suo allenamento ed è come se ricominciassi da zero.

Come ripartire?

Passa le prime due settimane a rieducare il tuo corpo al movimento, una sorta di fase preparatoria per i carichi di lavoro che seguiranno, un avvio troppo intenso e con ritmi alti, potrebbe portarti ad infortuni e quindi a stop più lunghi.

Regolarizza la tua alimentazione e porta il peso corporeo a quello ideale, poi inizia con 30 minuti al giorno di corsa alla tua soglia aerobica (questo ti aiuterà a bruciare i grassi più velocemente).
Ad ogni inizio allenamento, valuta lo stato psico-fisico del momento e dai un feedback all’allenamento precedente, da lì potrai capire se aumentare o meno i minuti di corsa, fatto ciò, inizia ad inserire qualche allungo di 60/70 metri e poi completa l’allenamento con lo stretching.

Puoi anche inserire esercizi specifici come dei lavori sull’ elasticità muscolare per le gambe, o esercizi per gli addominali e core-stability per la parte superiore del corpo.

Quando sarai pronto per i lavori più pesanti te ne accorgerai da solo.

Non ti sei fermato, hai continuato a correre per i tuoi impegni o per mantenimento?

C’è anche l’altra categoria di runners quelli “never stop”  tradotto mai fermarsi e se ci riescono è un bene.

Tutti i  runners sanno bene quanto è fastidioso non correre per un certo periodo,  perciò cercano di tenersi impegnati durante l’estate.
Fanno da stimolo per ovviare ai noiosi allenamenti,  le gare che solitamente organizzano per le feste parrocchiali, oppure allenamenti in compagnia come fitness – spinning  che si organizzano sui lidi al mare o per chi rimane in città al parco.
Ma se invece hai programmato una gara nei mesi successivi l’estate, stringi i denti e prosegui con la tabella degli allenamenti.

A tutti i runners auguro un buon inizio anno di corsa, con la speranza che altre nuove persone si uniscono a noi e magari incontrarci in qualche gara.

In bocca al lupo runners

Lorenzo Minauda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.